Silenzio, natura incontaminata e paesaggi che sembrano usciti da un libro di favole.  L’area vacanze Sci & malghe Rio Pusteria è situata nel punto d’incontro tra Val Pusteria e Valle Isarco in Alto Adige, un idillio in mezzo alle montagne. Trekking, malghe golose, piccoli borghi, wellness retreats, sono gli highlights dell’estate in questo distretto turistico che comprende otto località: Maranza, Rio di Pusteria, la Val di Fundres con Vallarga, Rodengo, Spinga, Terento, Valles e Vandoies.

Cosa vedere nell’area di Rio Pusteria

Rio di Pusteria

Rio di Pusteria è un piccolo comune di 1.000 anime, all’imbocco della Val Pusteria, situato a 777 metri di quota. Considerato il capoluogo dell’area, è il cuore pulsante dell’intero territorio, che comprende anche le frazioni di Maranza, Valles e Spinga.

Durante la stagione estiva, si passeggia lentamente tra vicoli pittoreschi sui quali si affacciano palazzi signorili e numerose botteghe artigiane. La piazza della chiesa pullula di ristorantini e locali in cui prendere un aperitivo o gustare un gelato. Qui si può seguire il Percorso storico, un itinerario di  pannelli informativi apposti sugli edifici storici, che raccontano l’evoluzione del borgo.

Rio di PusteriaRio di Pusteria
Rio di Pusteria © Hannes Niederkofler

A pochi minuti dal paese, un’altra attrazione vale una sosta: la Chiusa di Rio di Pusteria, che si presenta come una fortezza abbandonata, ricorda le ambientazioni scozzesi e irlandesi. In realtà si tratta del suggestivo ex sbarramento di confine tra Italia e Austria, diventato un’attrazione turistica a tutti gli effetti. Si possono anche riservare visite guidate.

Maranza

Una cabinovia dal centro storico di Rio di Pusteria porta alla frazione di Maranza, a 1.414 metri di quota. Un paradiso per escursionisti, questo villaggio assolato (per davvero: vanta 280 giorni di sole l’anno) di 450 anime, sospeso nel tempo. Oltre a macinare chilometri sui curatissimi sentieri, si fa una visita alla chiesa parrocchiale tardogotica di San Giacomo e le Tre Vergini, nel centro del paese.

Il villaggio di MaranzaIl villaggio di Maranza
Il villaggio di Maranza © Hannes Niederkofler

Valles: la valle incontaminata della Val Pusteria

Passato il paese di Rio di Pusteria, si apre una strada lunga due chilometri che divide prati infiniti e pascoli. La forza dei colori e dei suoni sono i compagni di viaggio in questo luogo ameno incastonato a 1.350 metri, tra boschi e una palette dei toni del verde che ha il potere di rigenerare corpo e mente.

I prati di Valles @elanzetti

Qualche agglomerato di case in legno e si giunge al centro di Valles, caratteristico borgo di montagna che fa parte dell’area vacanze Sci e Malghe Rio Pusteria. Un luogo ideale per chi sceglie di vivere la montagna nella sua essenza. Mucche, cavalli e alpaca animano le passeggiate ideali per tutta la famiglia.

SCOPRI ANCHE: Vacanza in Val Pusteria, tra yoga, hotel di design e pedalate nel verde

Castel Rodengo

Tra i paesi di Sciaves e Rio di Pusteria, in posizione dominante sulla gola del fiume Rienza, si erge Castel Rodengo, una delle roccaforti più grandi dell’Alto Adige. Risale al 1140 e nel XVI secolo fu acquisito dalla famiglia di Oswald von Wolkenstein (tutt’ora di proprietà dei suoi discendenti), un famoso poeta e compositore tedesco, che lo fece ristrutturare e ampliare. Alcune delle sale sono state allestite a museo e vi si possono ammirare numerosi pezzi di arredo tardo-rinascimentali.

Castello di RodengoCastello di Rodengo
Castello di Rodengo @riopusteria

Museo del loden a Vandoies

A Vandoies si trova il museo tematico interattivo Mondo del loden che vi rivelerà tutto ciò che c’è da sapere sulla produzione dell’iconico cappotto che prende il nome dal tipico tessuto. Un’antica tradizione portata avanti da mani esperte che realizzano ancora tutto artigianalmente (ingresso gratuito con Almencard).

Cosa fare nell’area di Rio Pusteria

Trekking sui sentieri

Durante l’estate, con la Almencard, la card dei trasporti, bus e impianti di risalita sono gratuiti, così da promuovere gli spostamenti sostenibili per impattare il meno possibile sull’ambiente. Per gli amanti delle camminate panoramiche in quota, si possono prendere due impianti di risalita.

LEGGI ANCHE: In Val di Valles, meraviglia altoatesina, è già primavera. Tra yoga, trekking e silenzio

Fanno parte del comprensorio sciistico Gitschberg Jochtal – Rio di Pusteria e conducono alla partenza di innumerevoli sentieri, adatti ad ogni preparazione, come il Giro del Piccolo Monte Cuzzo: dalla stazione a monte della cabinovia Gitschberg si segue il sentiero numero 1 per il Rifugio Moser, e poi dal sentiero numero 6 si raggiungono i 2.262 m del Cuzzo (durata 4 ore).

Pascolo al JochtalPascolo al Jochtal
Pascolo al Jochtal @elanzetti

Dalla stessa partenza, il Giro dei laghi “Seefeld”, lungo il sentiero numero 12 fino alla Malga Weiß, e successivamente il sentiero numero 6 fino al lago superiore (durata 7 ore  e 30).

Si parte da Malga Fane, simbolo di Valles, per raggiungere la vetta più alta della zona, il Picco della Croce: qui si superano i 3.000 metri di altitudine e si ammira un panorama mozzafiato sulle montagne circostanti e sul Lago Selvaggio. Solo per camminatori esperti: il dislivello è davvero impegnativo: 1.400 metri circa. Sosta di gusto obbligata a Malga Labiseben, lungo il tragitto.

Dal parcheggio Berg am Boden di Valles, ubicato a pochi km dal paese di Valles e dalla stazione a valle degli impianti Jochtal, s’intraprende il sentiero n.17 che porta al Rifugio Kurzkofel. Attraversato il ponte prende il via il Sentiero del Lattepercorso tematico, le cui stazioni sono contrassegnate da una capra, una mucca o da balle di fieno, che ripercorre la storia e le fasi di lavorazione del latte in Alto Adige.

Sentiero del Latte, Valles @elanzetti

Il Sentiero degli Elfi è un percorso tematico che porta alla cascata di Vandoies di Sopra e offre giochi e attrazioni per i bambini di ogni età. L’itinerario è suddiviso in undici stazioni didattiche e ha una lunghezza complessiva di quasi quattro chilometri con un dislivello di 150 metri (si percorre in circa un’ora).

Passeggiate in famiglia all’Alpe di Rodengo e Luson

In estate, sull’Alpe di Rodengo e Luson vi aspettano splendidi sentieri escursionistici adatti a tutti, anche alle famiglie con bambini piccoli.  Lungo la via si incontrano diversi punti di ristoro, dove recuperare le energie dopo una lunga passeggiata: Baita Oberhauser (ca. 10 min. dal parcheggio Zumis), Malga Roner (ca. 40 min. dal parcheggio Zumis), Baita Rastner (ca. 1,5 h dal parcheggio Zumis), Baita Starkenfeld (ca. 1,5 h dal parcheggio Zumis), Malga Kreuzwiesen (ca. 2,5 h dal parcheggio Zumis).

LEGGI ANCHE: Sentiero dei Castagni: a piedi nel foliage e tra i borghi dell’Alto Adige

Escursione a Malga Fane, simbolo della Val di Valles

Il vero simbolo di Valles è la Malga Fane, un ameno villaggio d’alpeggio, unico nel suo genere, che si trova in quota, a 1.740 metri. Partendo dal fondo valle, lungo il Sentiero del Latte che prende il via dal parcheggio Berg am Boden, in un’ora e mezzo di camminata non particolarmente complicata (è possibile salire anche con una navetta operativa nei mesi estivi), si arriva in un luogo incantato: una vallata puntinata da 35 baite e fienili di origine medievale, tre rifugi e una chiesetta.

Malga FaneMalga Fane
Malga Fane @elanzetti

Sembrerà di essere in una fiaba: le sfumature del verde di questa vallata faranno innamorare a prima vista. Luogo ideale anche per fare una sosta di gusto: alla Gattererhutte Fane Alm si possono assaggiare ottimi canederli della tradizione, carni succulente, taglieri di salumi e formaggi e zuppe di orzo e verdure.

Canederli di Grossberghütte @elanzetti

Salire al punto panoramico del Gitschberg

Panorama da togliere il fiato? Bastano pochi minuti di cabinovia. La piattaforma panoramica sul monte Gitschberg si trova a 2.510 metri di quota e nei giorni di buona visibilità offre una vista spettacolare a 360 gradi su oltre 500 vette montuose. Sulla sua struttura circolare è installato un parapetto che riporta le varie montagne osservabili dalla piattaforma.

Malghe e masi nell’area di Rio Pusteria

All’interno del vasto territorio dell’Area vacanze Sci & Malghe Rio Pusteria, ci sono malghe e masi che meritano una vista (anche di gusto). Tra questi in particolare: il rifugio Wieserhütte nella Valle di Altafossa o il maso Unteregger a Valles, due realtà autentiche che offrono esperienze immersive nella bellezza naturale dell’Alto Adige.

Wieserhütte

Siamo a 1.800 metri nella pittoresca Valle di Altafossa: Wieserhütte è una malga accessibile da Maranza a piedi o in e-bike, ideale per una pausa ristoratrice. Da qui partono direttamente numerosi sentieri panoramici.  Con 70 posti a sedere, in un ambiente rustico e con una terrazza soleggiata, vengono proposte specialità gastronomiche dell’Alto Adige con un’ampia scelta di canederli preparati con ingredienti freschi, tra cui i formaggi prodotti direttamente nel caseificio locale. Qui è possibile anche fermarsi a dormire: la struttura offre tre camere per 2-3 persone e un dormitorio comune per un massimo di 16 posti, ideale per gli escursionisti che desiderano iniziare le loro escursioni alle prime ore del mattino.

Maso Unteregger

A 1.200 metri di altitudine a Valles, si trova Maso Unteregger, simbolo di genuinità e tradizione. Le 160 capre allevate da Richard e Manuel Zingerle si nutrono di erba medica e fieno naturale ad alto contenuto proteico, garantendo così un latte fresco di altissima qualità, che viene trasformato in pregiato formaggio. Non si spreca nulla: il siero di latte, un sottoprodotto del maso, viene infatti impiegato per la produzione di cosmetici naturali, dimostrando un impegno concreto nella riduzione degli sprechi e nella realizzazione di prodotti per il corpo rispettosi dell’ambiente.

Masi di Fundres

Il Sentiero dei masi è un’escursione circolare particolarmente amata dalle famiglie e dagli appassionati di storia. Il percorso inizia presso il campo sportivo di Fundres e passa accanto a diversi antichi masi come il Feurerhof con la sua ghiacciaia, il Parthof con il suo piccolo museo (aperto solo per visite guidate), un orto di erbe aromatiche, una linea del tempo a cubi girevoli, uno xilofono di legno e la taverna Wieserhof.

LEGGI ANCHE: Buffaure, la Val di Fassa ancora da scoprire tra malghe e opere d’arte

Dove dormire a Rio di Pusteria

Silena

Hotel Silena, VallesHotel Silena, Valles
Hotel Silena, Valles

L’Alto Adige incontra l’Oriente. Negli arredi, nell’atmosfera, nelle sessioni di yoga e meditazione nel bosco e nella torbiera; persino a tavola convivono perfettamente specialità locali e pad thai preparati a regola d’arte. La missione del Silena, your soulful hotel è chiara: il benessere per corpo e mente. La struttura dialoga con la natura circostante, nelle forme e negli spazi: camere e suite sono realizzate con materiali naturali della regione e gli elementi della torbiera. E poi, occhi puntati sui boschi che circondano l’hotel dalle ampie vetrate delle stanze che vantano anche una Spa privata.

La Spa, distribuita su più livelli, è una vera coccola: piscine interne ed esterne, rituali in sauna, Vasca Onsen panoramica, e yoga retreats; meditazione guidata; 10 ore settimanali di yoga livello 1 -2, e sessioni di personal training in natura.
Per chi vuole dare libero sfogo alla creatività, poi, si aprono le porte di una stanza dove trovare tutto l’occorrente per esprimersi, tra acquerelli, origami, colori e tele.

Familiamus

Familiamus è un vero paradiso per grandi e piccini. Un family hotel 5 stelle all-inclusive sull’altopiano di Maranza, con programmi di attività differenziati per bambini e ragazzi, per gli adulti (da soli o in coppia) e per l’intera famiglia, pensati da un team con esperienza e formazione pedagogica. Camere e suite luminose, ampi spazi gioco, e Spa con piscine panoramiche interne ed esterne, saune e trattamenti con cosmesi bio.

Hotel Masl

Immerso nello spettacolare paesaggio montano della val Pusteria, l’Hotel Masl rappresenta il mix ideale tra comfort contemporaneo e tradizione. Camere arredate in stile alpino; centro benessere di 2.000 mq con piscina coperta collegata alla piscina esterna riscaldata, idromassaggio, vasca con percorso Kneipp, sei saune, e sauna finlandese esterna con vasca per immersioni e laghetto balneabile.

LEGGI ANCHE: Venti viaggi per gli appassionati di yoga

Cosa visitare nei dintorni

Rio Pusteria e Valles si trovano in posizione strategica per visitare i principali centri della Val Pusteria e della Valle Isarco. Ad una ventina di minuti di auto si trova la città di Bressanone, mentre ad una mezz’oretta quella di Brunico, e il borgo di Chiusa, tra i Borghi più Belli d’Italia.

LEGGI ANCHE: Tra storia e natura: 15 borghi da scoprire lungo il fiume Adige

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo dei viaggi?

Dove Logo

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo dei viaggi?

Registrati alla
Newsletter di Dove!

Ogni settimana riceverai i migliori contenuti per te!

Come arrivare a Rio Pusteria

Dall’autostrada del Brennero A22: uscita a Bressanone Nord, proseguire in direzione Val Pusteria/Brunico. Dopo circa 5 km svoltare prima del tunnel a destra verso Rio di Pusteria/Maranza/Valles.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *