Tra le più vivaci mete turistiche della Liguria, Finale Ligure è una cittadina apprezzata da chi la sceglie per il relax ma anche dagli sportivi. Quattro sono i nuclei principali: Finalmarina, Finalpia, Finalborgo e Varigotti. La prima è la classica meta balneare, con spiagge, locali affacciati sul mare, hotel e ristoranti, ed è simile alla vicina, e un po’ più piccola, Finalpia. Di grande fascino è Finalborgo, nell’entroterra, dove si respirano storia, arte e tradizioni, e Varigotti, frazione marinara dalle atmosfere romantiche. Molteplici sono gli aspetti di Finale Ligure: vivace e vacanziera, ricca di strutture e servizi, ma anche particolarmente romantica, dove agli scenari balneari si uniscono quelli medievali e preistorici.

GUARDA ANCHE: Genova, tra parchi, Lanterna e Porto Antico

Dove si trova Finale Ligure

Situato sulla Riviera Ligure di Ponente, Finale Ligure è tra i centri più importanti del savonese. A mezz’ora di macchina da Savona, è stretto tra i monti e il Mar Ligure. Confina con i comuni di Borgio Verezzi, Noli, Orco Feglino, Calice Ligure, Vezzi Portio e Tovo San Giacomo.
LEGGI ANCHE: Le Cinque Terre da vivere (come veri liguri)

GUARDA ANCHE: Bandiere Blu 2024 : la Liguria è in testa 

Cosa vedere a Finale Ligure

Finalmarina

Nucleo affacciato sul mare del comune di Finale Ligure, Finalmarina è una delle località marinare più rinomate della Riviera Ligure di Ponente. Al suo elegante centro storico, ricco di ristoranti, negozi, boutique e locali alla moda, si uniscono le spiagge, che durante i mesi caldi si affollano di turisti e il lungomare, tra affacci sul mare, giardini fioriti e colorati scorci. Cuore storico di Finalmarina è la chiesa di San Giovanni.

LEGGI ANCHE: Trekking in Liguria: tra le Cinque Terre e Alpi liguri

Finalborgo

Sede del Marchesato dei Del Carretto, Finalborgo è uno dei centri più belli dell’intera Liguria. Meta da non perdere per chi si trovi in zona, è una straordinaria finestra sul passato, dove si respira un’atmosfera d’altri tempi. Arte, storia, cultura e tanto shopping offre questo rione di Finale Ligure, dove perdersi tra vicoli e piazzette popolati di caratteristiche botteghe artigiane, locali e ristorantini.

Finalborgo (iStock)

Finalpia

Nella frazione di Finalpia si respirano il mare e la tradizione agricola. Antico punto di partenza per gli scambi tra mare e montagna, unisce la mondanità dei locali sul mare al bel nucleo storico, i terreni agricoli ai suoi tanti sentieri che portano alla volta dell’Altopiano delle Manie o a Calvisio. Tra i tesori architettonici di Finalpia c’è l’abbazia benedettina di Santa Maria, con l’imponente campanile in pietra di Finale, tra i principali centri monastici della regione.

LEGGI ANCHE: Da Levante a Ponente: le più belle spiagge della Liguria

Varigotti

Tra i luoghi di maggiore suggestione del litorale ligure, Varigotti è contraddistinto dall’architettura mediterranea. Scelta da pirati turchi e barbareschi per la sua ubicazione al riparo dai venti, rapisce il cuore dei turisti per le sue atmosfere. Tra i vicoli e le piazzette dell’abitato è facile incontrare personaggi della cultura e dello spettacolo che qui trascorrono le vacanze. Tra le emergenze architettoniche della frazione vi sono la chiesa di San Lorenzo, risalente al XII secolo, e il castello del XVI secolo, ubicato nel Parco Naturale di Punta Crena. Per gli appassionati di trekking c’è il “Sentiero del Pellegrino”, che da Varigotti giunge fino all’Altopiano delle Manie per poi scendere a Noli, tra sentieri a picco sul mare, panorami e profumi.

Varigotti (iStock)

Spiaggia di Finalmarina

Si stende per oltre due chilometri di lunghezza il lido sabbioso di Finale Ligure, lambendo i centri storici dei rioni Finalmarina e Finalpia. Alcuni storici stabilimenti balneari riportano alle atmosfere di oltre mezzo secolo fa e si alternano ai tratti di spiaggia libera.

LEGGI ANCHE: Liguria, weekend tra i borghi del Golfo dei Poeti

Spiaggia del centro di Varigotti

Il mare è cristallino e rapidamente diviene profondo, mentre l’arenile è costituito da sabbia e piccoli ciottoli, in parte attrezzato e in parte libero. Alle spalle c’è il pittoresco borgo, con i suoi colori e i suoi suggestivi scorci che dal litorale sale sulla roccia.

Varigotti (iStock)

Baia dei Saraceni

Tra gli angoli più pittoreschi della Riviera Ligure di Ponente, la Baia dei Saraceni si contraddistingue per lo stretto arenile di ghiaia e sabbia incastonato in una baia di grande suggestione. Stretta tra il mare cristallino e la rigogliosa natura circostante, è una meta imperdibile per chi ama la versione un po’ più selvaggia del mare.

La Baia dei Saraceni (iStock)

Spiaggia del Malpasso

Circondata da falesie a picco sul mare, la spiaggia del Malpasso è contraddistinta da un arenile di sabbia e ghiaia. Situata a due passi dal pittoresco borgo di Varigotti, è tra gli scenari naturali da non perdere di questo tratto di costa ligure.

La spiaggia del Malpasso (iStock)

Spiaggia di Punta Crena

Sorge sotto il promontorio di Punta Crena ed è uno dei luoghi maggiormente riservati di questo tratto di litorale. È accessibile solo con canoe, moto d’acqua o barche, oppure tramite un percorso impervio che scende dalla torre Saracena di Punta Crena.

LEGGI ANCHE: Liguria: 20 luoghi e meraviglie da esplorare lungo la via Aurelia

Collegiata di San Giovanni Battista

Tra le chiese barocche artisticamente più belle della Liguria, la collegiata di San Giovanni Battista fu completata nel 1674, per essere consacrata l’anno dopo. La bella facciata propone le statue di San Giovanni Battista, dei Santi Pietro e Paolo, della Speranza e della Fede. Domina il complesso dall’alto dei suoi 24 metri la cupola. L’interno è a tre navate ed è arricchito da affreschi e dipinti di pregio.

La collegiata di San Giovanni Battista (iStock)

Abbazia di Santa Maria di Finalpia

Tra i tesori architettonici del rione di Finalpia c’è l’abbazia benedettina di Santa Maria, con l’imponente campanile in pietra di Finale, che presenta tre ordini di bifore e un’alta guglia ottagonale. L’abbazia è tra i principali centri monastici della regione.

Fortezza di Castelfranco

Affacciato sul mare, domina Finalmarina e Finalpia da una posizione strategica. Risalente alla seconda metà del XIV secolo, visse fasi di distruzione, ricostruzione, ampliamento e ridimensionamento. Voluto dalla Repubblica di Genova, fu spesso teatro di contese. Demolito nel 1558 e nel 1564, e entrambe le volte ricostruito, divenne poi residenza del barone Beccaria, rappresentante imperiale, che nel 1602 lo consegnò agli spagnoli, e divenne così perno del loro sistema difensivo. Castelfranco rimase attivo fino al 1745, quando respinse gli attacchi di ben 14 navi inglesi. Adibito a carcere sotto il Regno di Sardegna, subì poi ampie trasformazioni. Dal 1938 è proprietà del comune di Finale ed è sede di attività culturali.

LEGGI ANCHE: Vacanze e weekend in Liguria: cosa vedere e dove andare

Chiesa di Nostra Signora di Loreto o dei Cinque Campanili

Un tempo comune autonomo, Perti è una frazione di Finale Ligure e ospita una delle chiese più singolari della regione. Caso quasi unico in Liguria, l’edificio in stile Rinascimentale con influssi lombardi è sicuramente una meta da non perdere per chi ama le architetture. La chiesa, completata nel 1490, è a pianta quadrata ed è sormontata da una cupola ottagonale. In corrispondenza dei quattro spigoli della struttura sorgono altrettanti esili campanili che si uniscono a quello leggermente più alto che sorge al centro della cupola. Da qui il soprannome di “chiesa dei Cinque Campanili”, che sorge in posizione dominante e panoramica sulla vallata.

La Chiesa dei 5 campanili (iStock)

Arco di Margherita di Spagna

È uno degli elementi che caratterizzano il centro di Finale Ligure. Eretto nel 1666 su disegno dell’architetto finalese Sebastiano Bocciardo, il maestoso Arco Trionfale dedicato a Margherita di Spagna sorge su piazza Vittorio Emanuele II. Ricorda il passaggio da Finalmarina di Margherita Teresa, figlia di Filippo IV di Spagna e sorella di Carlo II, sulla via di Vienna per raggiungere e sposare Leopoldo I d’Austria e quindi divenire imperatrice.

L’Arco di Finale Ligure (iStock)

Castel Gavone

Principale sede dei Marchesi Del Carretto, signori di Finale, Castel Gavone sorge nei pressi della frazione di Perti. Esempio rinascimentale di architettura con funzioni militari e residenziali, il castello è fortemente caratterizzato dalla Torre dei diamanti, da dove si gode di una vista mozzafiato sulla valle, che fu risparmiata dai genovesi nel 1715.

GUARDA ANCHE: Genova: cosa vedere e dove andare

Castel Gavone (iStock)

Cosa fare a Finale Ligure

In mountain bike nell’entroterra finalese

Ambita meta per i biker di tutto il mondo, Finale Ligure propone una ricca varietà di ambienti e un gran numero di sentieri per gli amanti delle due ruote. Tra valli e altipiani collegati da centinaia di sentieri, tra borghi e panorami mozzafiato, foreste e ambienti selvaggi, sulle due ruote si può scoprire, in lungo e in largo, il territorio. Da Finalmarina a Finalborgo, dal Monte Carmo a Caprazoppa, solo per citare alcune delle tappe, è una continua scoperta tra affacci sul mare, salite, meraviglie naturali e antichi borghi.

VEDI ANCHE: Genova: il ponte simbolo della rinascita

Arrampicata sportiva sulle falesie

Finale Ligure è un autentico paradiso per gli appassionati dell’arrampicata sportiva. Duecento pareti attrezzate, da un minimo di dieci a un massimo di 250 metri, e oltre 3.500 vie, rendono questa zona della Liguria una meta unica per gli arrampicatori. Dalla falesia del Priore a quella della Coccinella, l’entroterra di Finale Ligure richiama appassionati del genere da oltre mezzo secolo.

Trekking nell’entroterra finalese

Anche per gli appassionati camminatori Finale Ligure offre molto. I percorsi sono tantissimi e vanno dalla riva del mare all’entroterra montano. Da Finalmarina a Finalborgo, dalla chiesa dei Cinque Campanili a Perti alta, da castel Gavone alle falesie, da Varigotti a Noli, tutta la zona offre innumerevoli alternative di scoperta.

In barca tra capo Noli, l’Isola di Bergeggi e la Baia dei Saraceni

Lo spettacolo del mare è sempre protagonista a Finale Ligure. Imperdibile un’esperienza in mare, magari in barca a vela, per godere della bellezza del litorale e dello spettacolo dei fondali. Dall’incanto della Baia dei Saraceni all’Isola di Bergeggi, fino a giungere al delizioso borgo di Noli, questa porzione di Mar Ligure non può che regalare emozioni a chi decida di abbandonare per qualche ora la costa.

La costa di Finale Ligure (iStock)

Cosa mangiare a Finale Ligure

C’è sicuramente tanto pesce nella cucina di Finale Ligure. Sono soprattutto i locali sul mare a servire il meglio della cucina marinara, dalle fritture alle grigliate ai primi con i frutti di mare. Ma tanti sapori finalesi sono anche legati all’entroterra: dai ravioli di magro alle torte verdi, dalle olive taggiasche alle verdure ripiene. E poi ci sono i fugassin, fritti a base di patate, i dolci come i chifferi, a base di mandorla, e i gobeletti, biscotti di frolla e marmellata di Pernambucco. Una cucina ricca di pesce ma anche di tante erbe selvatiche, utilizzate nelle varie ricette tradizionali, di olio e vini. Finale non è dunque solo paesaggi, mare, entroterra, storia, arte e cultura, ma anche una ricchissima varietà di sapori tutti da scoprire e godere.

Fritto misto di pesce (iStock)

Dove mangiare a Finale Ligure

Trattoria La Tavernetta

Situata nel centro storico di Finalmarina, la trattoria “La Tavernetta” propone principalmente cucina a base di pesce. Si servono, tra gli altri, dall’insalata di mare al tonno affumicato, dalla pasta al sugo di totani e pomodoro al risotto ai frutti di mare, dalle acciughe fritte al polpo alla ligure, dal branzino al sale alla triglia alla genovese.

Ristorante Il Sogno

Situato a due passi da piazza Vittorio Emanuele II, il ristorante “Il Sogno” propone ambienti accoglienti che si affacciano , attraverso le ampie vetrate, sulla via centrale della cittadina, in zona pedonale. Alla ricca carta dei vini si unisce una vasta scelta di piatti che vanno dal guazzetto di cozze e vongole veraci super con crostini all’insalata di calamari e polpo alla catalana, dai paccheri alle mazzancolle, pomodorini datterino e basilico alle trofie al pesto con patate e fagiolini, dal fritto misto di pesce al filetto di tonno alla piastra, con verdure alla griglia e crema di piselli alla menta.

Ristorante Da Pilade

Nel cuore del centro storico di Finale Ligure, a due passi dal mare e dalla basilica di San Giovanni, il ristorante “Da Pilade” propone pizze, carni e focacce. Dalla scottona piemontese all’Aberdeen black angus, dagli hamburger di angus irlandese con verdure grigliate alle alette di pollo caramellate. E poi ci sono le pizze e le focacce, tra cui quella al patè di olive, stracchino e pomodori secchi oppure burrata, pesto, pomodoro fresco e pinoli.

Osteria Angolo 42

L’osteria “Angolo 42” è una trattoria rustica e accogliente dove si preparano piatti tipici della cucina ligure. In un’atmosfera familiare si servono dalla pasta fatta in casa alle insalate fresche, dalle focacce ai piatti di pesce e carne. Ricca la carta dei vini.

N.39 Restaurant & Bistrot

Il “N.39 Restaurant & Bistrot” è un locale elegante e raffinato a due passi dal mare e nel centro di Finale Ligure. Propone una vasta selezione di antipasti, primi e secondi, tra cui zuppe, crudi di mare, risotti e pesce alla griglia e una ricca scelta di vini bianchi e rosati da abbinare ai piatti di pesce. Oltre alla consumazione sul posto è possibile anche l’asporto.

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo dei viaggi?

Dove Logo

Vuoi rimanere sempre aggiornato sul mondo dei viaggi?

Registrati alla
Newsletter di Dove!

Ogni settimana riceverai i migliori contenuti per te!

 

DoveViaggi è anche su Whatsapp. Clicca qui  per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *